Tradizione

Tiramisù questo vogliono i papà per la loro festa

Normalmente feste e ricorrenze si salutano con un dolce e normalmente questo dolce si sposa indissolubilmente con quel giorno sul calendario. Quasi sempre non c’è una ragione specifica che giustifichi questo accostamento, è un evento che porta gioia e appaga la gola del festeggiato, di amici e parenti.
Nel giorno della festa del papà, invece. la ragione c’è ed è di quelle importanti. Si sa che per i cristiani la festa cade il 19 marzo, nel giorno di San Giuseppe, che ne è un po’ il padre putativo. Secondo la tradizione dopo la fuga in Egitto con Maria e Gesù, San Giuseppe dovette vendere frittelle per poter mantenere la famiglia in terra straniera. Da qui la presenza del dolce nella ricorrenza diventa simbolica e strettamente necessaria.
Dalle nostre parti il dolce dedicato è la zeppola, di origine napoletana realizzata con pasta simile ai bignè di forma schiacciata. Può essere fritta o al forno; al di sopra viene posta di norma crema pasticcera e marmellata di amarene. Segno del legame indissolubile che si è creato la nuova denominazione del dolce che oggi si chiama Zeppola di San Giuseppe.
Ma ci sono varianti regionali, per lo più a base di creme o marmellate.
Nell’Italia settentrionale dolce tipico della festività è la Raviola, piccolo involucro di pasta frolla o pasta di ciambella richiuso sopra una cucchiaiata di marmellata, crema o altro ripieno, poi cotta al forno o fritta.
A Trebbo di Reno, in provincia di Bologna, si tiene ogni anno, nella terza domenica del mese di marzo, la tradizionale e multicentenaria “Festa della Raviola” Infine, in alcune regioni del centro Italia, soprattutto Toscana, Umbria e Lazio, sono diffusi dei dolcetti, sempre fritti, a base di riso cotto nel latte a cui si aggiungono a piacere vin santo, uva passa o canditi e che vengono chiamati frittelle.dolci a base di riso, noti come zeppole o crispelle di riso. Sono presenti anche in Sicilia.
In un suo recentissimo sondaggio, Vanity Fair ha chiesto ai Papà quale dolce preferissero ricevere per la loro festa. Non ce ne è stato uno che abbia indicato le zeppole. Ha vinto, udite udite, il tiramisù della mamma o della nonna … più che “Festa dei Papà” potremmo dire “Festa dei Figli”.

Potrebbe interessarti

Nessun commento

Rispondi