4 passi per l'Italia Cultura Tradizione

QUEST’ESTATE NON PERDETEVI LA FESTA DEL LATTE

L’estate si sa è foriera di feste e sagre dove si possono trovare le migliori prelibatezze enogastronomiche che il nostro meraviglioso paese può offrire. Ce ne sono a centinaia sparse lungo tutto lo stivale.

Se siete amanti dell’oro bianco, ovvero del latte, allora non potete perdervi la Festa del Latte Alto Adige, giunta alla sua settima edizione, che si tiene il 25 e 26 agosto nella pittoresca Malga Fane, situata a 1.739 metri a Valles / Rio Pusteria. Una festa che merita a partire dallo spettacolare teatro naturale nel quale è organizzata: la Malga Fane è considerata da moltissimi una delle più belle e suggestive malghe dell’arco alpino. Si tratta per la verità di un paesino alpino, dove il tempo sembra essersi cristallizzato. Dove tutto sembra immutato com’era una volta. Un piccolo agglomerato di antichi masi che giacciono ancora oggi, immutati, ai piedi delle montagne di Fundres. Una chiesetta attorno alla quale sono stati costruiti piccoli rifugi, fienili e baite, che affascinano ancora oggi per la loro struttura originale, incantata.

La Malga Fane fu costruita nel medioevo come rifugio per la peste, in un periodo storico in cui gli uomini nell’alta valle cercavano un posto dove rifugiarsi. Ed è proprio lassù che trovarono rifugio per scappare dall’epidemia. Una volta superata la peste, le persone ritornarono ai loro antichi masi e insediamenti, ma il paesino di Malga Fane rimase inalterato, grazie anche alla posizione dislocata della valle.

Oggi è una delle attrazioni più ricercate sia d’estate che d’inverno e punto di partenza di numerosi sentieri. Ed è proprio qui che si celebra la Festa del Latte Alto Adige ad agosto. E non si poteva scegliere luogo migliore per racchiudere tutti i motivi per cui il latte Alto Adige, e i prodotti derivati, è così buono. Ma cos’è che rende i prodotti lattiero-caseari dell’Alto Adige così speciali? Innanzitutto il luogo stesso. Il paesaggio altoatesino, caratterizzato da alte montagne, fertili vallate, prati e pascoli sempre curati, proprio come la Malga Fane, gioca un ruolo fondamentale nella produzione di un latte di qualità. A questo si aggiunge il continuo, infaticabile e instancabile lavoro quotidiano degli agricoltori di montagna che, da generazioni, praticando la zootecnia, contribuiscono a mantenere l’attuale aspetto di queste spettacolari distese verdi, il suolo sano dove crescono tantissimi fiori e specie vegetali, di cui si nutrono le vacche, e che danno al latte altoatesino un sapore così pieno. E poi c’è l’amore per le proprie mucche dei tantissimi allevatori, che sin dalla mattina presto si prendono cura degli allevamenti (tutti di piccole dimensioni, e ogni mucca viene chiamata per nome). Passione, dedizione e competenza specialistica dei contadini altoatesini assicurano il gusto, la genuinità e la qualità dei loro prodotti, grazie ai continui e severi controlli cui sottopongono il bestiame e il latte ottenuto.

E proprio per dare informazioni sul latte altoatesino e sulle mucche, che è nato il „Sentiero del Latte“, un itinerario didattico che porta alla Malga Fane e da cui si può iniziare ad entrare nello spirito della Festa. Un’iniziativa nata per raccontare e festeggiare questo alimento e i suoi derivati che rappresenta una parte importante dell’economia altoatesina. Per tutto il 25 ed il 26 agosto si potrà conoscere da vicino e degustare i prodotti lattiero-caseari attraverso un ricco programma d’intrattenimento per grandi e bambini: dal laboratorio del latte alle “olimpiadi del latte”, per continuare con i percorsi alla scoperta di come si producono burro, mozzarella e formaggio grazie ai maestri del mestiere che permettono a tutti di provare con le proprie mani come si fa.

Ovviamente non può mancare la degustazione di piatti tipici a base di latte così come specialità altoatesine fatte in casa. Un weekend da leccarsi i baffi e riempirsi l’anima.

Per info: https://www.altoadigelatte.com/latte-on-tour/festa-del-latte/7-festa-del-latte

Potrebbe interessarti

Nessun commento

Rispondi