4 passi per l'Italia Curiosità Tradizione

Il tempo delle mele

L’Alto Adige rappresenta la più grande area chiusa di coltivazione di mele d’Europa. Oltre il 10% del raccolto europeo proviene dall’Alto Adige, così come una mela biologica su tre a livello europeo è altoatesina. Tredici varietà di mela sono state insignite del riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta), il marchio certificato dall’Unione Europea che non solo ne tutela la provenienza ma ne garantisce anche la qualità controllata e il sapore unico. Le mele dell’Alto Adige maturano in condizioni ottimali: aria fresca e pulita, terreni fertili, clima ideale e un grande rispetto dell’uomo per la natura grazie all’impiego di sistemi di coltivazione in armonia con l’ambiente. Le mele Alto Adige IGP crescono a un’altitudine compresa tra i 200 e i 1.000 metri. I 300 giorni di sole e le notti fresche creano le condizioni ottimali per esaltare le qualità organolettiche del frutto. Per questo, sono intensamente ricche di sapore, croccanti e succose, aromatiche e ben colorite, sane, fresche e si conservano a lungo. Per ottenere la mela che oggi arriva sulle nostre tavole, i frutticultori altoatesini lavorano durante tutte e quattro le stagioni, garantendo in ogni momento dell’anno una cura particolare che, a fine stagione, permetterà di riempire cassette di mele di qualità, la qualità tipica dei prodotti altoatesini. L‘inverno è il momento della potatura delle piante che vengono irrobustite privandole dei rami superflui e vecchi, conferendole una forma conica per permettere alla luce di penetrare all’interno della chioma per ottenere frutti di qualità. La primavera è il momento della concimazione della terra, del controllo della temperatura per evitare che la pianta in fiore venga colpita da gelate notturne che ne penalizzerebbero la produzione. E’ anche il momento in cui il frutticoltore si accorda con l’apicoltore affinché, durante la fioritura, sia garantita nel frutteto la presenza di numerose popolazioni di api per l’impollinazione dei fiori. Ma è l’estate il momento in cui le mele hanno bisogno di una buona dose di controllo. E’, infatti, importante garantire il giusto apporto di acqua, eliminare i frutti danneggiati, mantenere l’erba bassa alla base della pianta, garantendo così un’importante fonte nutritiva per i microorganismi del terreno. Gli alberi vengono regolarmente monitorati per verificare la presenza di insetti utili alla pianta. Con la fine dell’estate e l’arrivo dell’autunno, il frutticoltore si prepara alla raccolta: i macchinari necessari devono essere controllati per assicurarne il perfetto funzionamento e le casse di raccolta sono prelevate dai magazzini. Il frutticoltore controlla il quaderno di campagna e lo esibisce al servizio controllo qualità. Inizia la raccolta dei frutti e, al tempo stesso, preleva campioni di terreno per l’analisi chimica e, di conseguenza, provvede alla concimazione dell’impianto. Se intende creare una nuova piantagione, sradica le vecchie piante, elimina le radici e lavora il terreno per renderlo soffice e pronto per accogliere una nuova pianta. Ed è solo allora che si concede una pausa per gustare appieno il gusto del suo lavoro, lungo 365 giorni.

Per molti secoli in Alto Adige gli alberi di melo furono piantati intorno ai masi e i loro frutti servirono per il consumo delle famiglie contadine. Oggi la produzione di mele è praticata da 7.000 aziende familiari mediamente di piccole dimensioni. La raccolta comincia a metà agosto con la varietà Gala e termina a novembre con la varietà Pink Lady.

Le mele, oltre che come base di ricette dolci e salate, vengono trasformate anche in succo di mela, aceto di mele, distillati, mele in pezzi conservate in buste salva freschezza e in mele essiccate disponibili tutto l’anno. Oltre che sulle nostre tavole  sono ideali anche come base per prodotti di bellezza. Creme, balsami e latte impiegati nella cosmesi moderna sono spesso realizzate a base di mele che possiedono lo stesso pH della nostra pelle rendendola naturalmente  liscia e morbida. Bagni aromatici alla mela vengono proposti ad esempio alle Terme di Merano.

Potrebbe interessarti

Nessun commento

Rispondi