4 passi per l'Italia Cultura Curiosità Food Ricette Tradizione

Non è Natale senza gli Struffoli!

Il Natale è il periodo dell’anno che preferisco. Non so se per le lucine che addobbano le vie delle città, per l’atmosfera un po’ nostalgica, per gli odori speziati che invadono le piazze… o, forse, perché di questo periodo è uno dei miei dolci preferiti: gli struffoli. Piccole palline di pasta, fritte e coperte di miele. Sono disposte a forma di ciambellone e decorate con confettini colorati e frutta candita.

A casa nostra, complice anche la tradizione napoletana di mia madre, il Natale non arriva fintanto che non si preparano queste piccole palline mielose, tanto buone quanto lunghe da preparare!

Non ho mai saputo l’origine di questo dolce, anche perché a casa mia c’è sempre stato e non mi sono mai posta veramente il problema. Ebbene, pare che i suoi natali non siano proprio napoletani. Si dice che furono portati a Napoli dai Greci durante il periodo di Partenope. E sembra che proprio dal greco derivi il nome  “strongoulos”, arrotondato.

Quale che sia la sua storia, gli struffoli a Napoli sono qualcosa che non deve mancare sulle tavole natalizie. E rappresentano un regalo molto sentito che viene fatto ad amici e vicini di casa. Un tempo, addirittura, gli struffoli venivano preparati nei conventi dalle suore e donati proprio a Natale alle famiglie nobili della città che nel corso dell’anno avevano elargito atti di carità.

Ci sono varie interpretazioni degli struffoli, di seguito vi riporto quella che è la ricetta tramandata da mia nonna e che tutt’oggi noi prepariamo a casa, normalmente il 22 o il 23 dicembre, perché si sa, gli struffoli sono più buoni se mangiati qualche giorno dopo!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di farina

2 uova

Olio extravergine di oliva (2 metà gusci pieni)

Sale

Aroma di arancio

Miele di acacia o millefiori

Confettini colorati

Frutta candita

Preparazione:

Pimag0304redisporre la farina a montagna, aprendo un cratere al centro. Versare dentro le uova, l’olio e un pizzico di sale. Impastare fino a che la pasta non diventa elastica.
A quel punto occorre coprirla con della pellicola trasparente e lasciarla riposare per un’ora. Passata l’ora, tagliate la pasta in piccole striscioline che vanno strofinate fino a diventare levigate e tagliate a palline non più grandi di un’unghia del pollice.

Una volta tagliate, le palline andranno fritte nell’olio.

Per finire bisogna sciogliere il miele in una pentola con le bucce d’arancia/mandarino ed un po’ di aroma. Quando il miele sarà liquido, vanno versate tutte le palline e girate con un mestolo di legno per far si che si amalghino bene nel miele aromatizzato.1485935_10152050335998911_1802016855_o Ancora caldo, il composto andrà sistemato in un piatto grande, formando una ciambella con il buco intorno.
Per concludere guarnire con i confettini e la frutta candita.

Ed ora… Buon Natale a tutti!!

Potrebbe interessarti

1 Commento

  • Rispondi
    Tasty Italy | Wine, Food & Culture
    15 Dicembre 2016 at 13:32

    […] Non è Natale senza gli Struffoli! […]

  • Rispondi